A passeggio tra i rifiuti

Pare proprio non facciano alcun effetto ai passanti i mucchi di spazzatura lungo i sentieri. Sono forse troppo impegnati nella battaglia per la zona franca? Certo i soldi sono molto importanti. Con i soldi puoi comprare tante cose. Con i soldi puoi pagarti un bel viaggio in un’isola incontaminata……Senza soldi però puoi lo stesso fare molte cose. Per esempio mentre porti a spasso il cane o passeggi,raccogliere un po’ di plastica. Molto meglio far finta di nulla. Fare jogging in mezzo ai preservativi usati non è poi così difficile,anzi puoi sempre saltarli e fare esercizio. Certo,hai ragione,sta al Comune pulire,paghiamo per questo. Ma il Comune di Oristano ha ben altro a cui pensare. C’è la campagna elettorale,il lavoro che manca,i marciapiedi,le aiuole,le scuole,il traffico,gli incidenti,i soldi che non bastano. Si,si hai ragione,sono tutti dei ladri,destra sinistra,centro. Era meglio quando c’era Mussolini,lui si che sapeva aggiustare le schiene! La spazzatura lui l’avrebbe presa a calci! E tu? Beh tu la eviti e basta. Sabato dov’eri? Sa cortes apertas? Sagra del pane carasau? All’Auchan? A casa davanti al caminetto? Sul sito di Arzachena era scritto: ” non puoi mancare!” E difatti di Arzachena e Cannigione non è venuto nessuno. C’è tanto da fare ma non troppo. Mai troppo. Troppo è una parola che si associa bene con gli aggettivi negativi. Troppo stanco,troppo brutto,troppo grasso,troppo sporco. Quelli positivi non sono mai troppo. Certo dici tu eravamo troppo pochi. Meglio pochi che nessuno caro inesistente contraddittorio. Almeno avessi qualcuno con cui discutere. Non si forma un gruppo da soli. Andrò a passeggiare tra i rifiuti che sono quasi ovunque.

Torre grande,pineta e spiaggia frequentata dagli oristanesi,una vera discarica.

Autore: Giovanni Boetti

Sono nato a Milano negli anni 60, li si forma la mia coscienza sociale ma i miei sogni,sarebbe meglio dire quelli di mia madre, a un certo punto prendono il sopravvento e decido di partire. Basta con le manifestazioni,basta con la città. Da sempre amo la natura, compresa quella umana che per me sono una cosa sola. Da uomo faccio parte della natura e da uomo la difendo. Da sempre sono attratto dall’acqua e dai suoi abitanti. Pesci,uccelli tartarughe e barche a vela. Fin da piccolo vado in barca a vela e leggo i libri d’avventura. Dopo qualche anno in Liguria parto alla volta dell’oceano,arrivato ad Antigua incontro l’amore e decido di diventare padre. Ma mentre l’oceano è per il marinaio come per il leviatano,la sicurezza e la libertà,la costa rappresenta un possibile pericolo. Dopo un’altro tormentato periodo nel quale,tra l’altro, creo una società di allestimento barche ad Antibes, la Coast to Coast,lavoro al progetto più importante : la famiglia. Dopo diciassette anni vissuti in Francia mi trasferisco in Sardegna. Finalmente il mare si calma e la vita continua. Con la mia nuova compagna, Teresa e due splendidi figli, tiro facili bordi nelle acque ridossate della Sardegna del nord. In attesa di qualche avventura,questo blog e l’associazione Velapuliamo occupano la mia mente vulcanica,sempre alla ricerca di qualcosa da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...