Libertà

La parola libertà è spesso legata ad un sentimento più che ad un compito. L’immagine collettiva è il gabbiano che vola alto nel cielo.

Questa parola viene poi paradossalmente legata ad altre parole come tolleranza,rispetto,uguaglianza,fratellanza. Per capire fino in fondo il significato della parola libertà bisogna mettersi nei panni dei genitori di quel gabbiano,mentre è ancora nel nido. Bisogna mettere poi quel nido,quei genitori e quel pulcino nel giusto contesto: la ripida scogliera,gli altri nidi con gli altri genitori,le aquile,il vento e le onde dell’impetuoso oceano sottostanti. Poi bisogna domandarsi fino a che punto è necessario spingere quel pulcino fuori dal caldo nido per affrontare la tempesta con le sue giovani ed inesperte ali. Bisogna che ambedue i genitori e la società intera trovino normale questo gesto. Dalla semplice domanda: cos’è la libertà,a questo punto ne scaturiscono altre: per chi è importante? Dobbiamo imporla? Va difesa? Dobbiamo sempre considerarla un vantaggio?Cosa la rende così importante?In natura l’istinto per fortuna è più forte dell’emozione. Gli occhi del pulcino non vedono il pericolo ma l’occasione mentre quelli di suo padre non vedono un pulcino ma un adulto. Forse l’umanità dovrebbe ricordare che quando l’uomo si scaldava col fuoco i bambini erano molto più liberi. Quando l’uomo viveva sugli alberi chi cadeva era stato sbadato o al massimo sfortunato. Mai nessuno a quell’epoca, da ragazzo desiderava restare giovane. Gli adulti erano ammirati dai giovani perché andavano a caccia,a pesca e a combattere. Saltando attraverso il cerchio di fuoco raggiungevi i guerrieri,i cacciatori,gli adulti,la libertà. Cos’era allora la libertà? Potersi sposare e fondare un nucleo familiare. Andare a caccia per nutrire la famiglia ed il villaggio e vicino al fuoco,la sera, davanti a cento sguardi raccontare le proprie gesta. Combattere per la difesa dei propri cari,del proprio modo di vivere con la faccia dipinta. Rinunciare al caldo giaciglio,all’abbraccio della madre. La libertà in natura non è fare ciò che piace ma fare ciò per cui si è fatti. L’uomo di allora non era fatto per restare a casa.Nella natura umana giocano un ruolo essenziale i genitori e la società che forniscono al giovane o meno i motivi per diventare liberi. Nella nostra società la libertà è rinucia. È vero ma vale sempre la pena rinuciare a qualcosa per la libertà. Purtroppo però oggi la libertà è in pericolo perché non c’è più la poesia del volo,della caccia praticata con l’arco,del combattimento a mani nude. Tutto questo è diventato virtuale e tecnologico. Il gabbiano è diventato un drone. Eppure la poesia esiste ancora. Basta usare i sensi e l’istinto. Il volo vale lo sforzo. Ciascun’essere nel proprio cielo.

Autore: Giovanni Boetti

Sono nato a Milano negli anni 60, li si forma la mia coscienza sociale ma i miei sogni,sarebbe meglio dire quelli di mia madre, a un certo punto prendono il sopravvento e decido di partire. Basta con le manifestazioni,basta con la città. Da sempre amo la natura, compresa quella umana che per me sono una cosa sola. Da uomo faccio parte della natura e da uomo la difendo. Da sempre sono attratto dall’acqua e dai suoi abitanti. Pesci,uccelli tartarughe e barche a vela. Fin da piccolo vado in barca a vela e leggo i libri d’avventura. Dopo qualche anno in Liguria parto alla volta dell’oceano,arrivato ad Antigua incontro l’amore e decido di diventare padre. Ma mentre l’oceano è per il marinaio come per il leviatano,la sicurezza e la libertà,la costa rappresenta un possibile pericolo. Dopo un’altro tormentato periodo nel quale,tra l’altro, creo una società di allestimento barche ad Antibes, la Coast to Coast,lavoro al progetto più importante : la famiglia. Dopo diciassette anni vissuti in Francia mi trasferisco in Sardegna. Finalmente il mare si calma e la vita continua. Con la mia nuova compagna, Teresa e due splendidi figli, tiro facili bordi nelle acque ridossate della Sardegna del nord. In attesa di qualche avventura,questo blog e l’associazione Velapuliamo occupano la mia mente vulcanica,sempre alla ricerca di qualcosa da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...