L’amore va

L’amore va e nel suo moto trasporta colui che lo esprime. Nell’amore lo sbaglio più frequente è quello di cercare un ritorno,una gratifica. Ma l’amore non torna e non può tornare perché quello che si esprime è il proprio. Certo è lecito e soprattutto umano aspettarsi che la persona amata ricambi. Questo però dipenderà non soltanto dai nostri atti perché ognuno è libero di trovare la scusa che gli pare per non farlo o di interpretare le situazioni sempre per evitarlo. Quindi ricapitolando: se io faccio qualcosa per te,un gesto d’amore,questo può o meno corrispondere ad un gesto d’amore di ritorno. Ma se il gesto iniziale è dettato dall’esigenza di un ritorno,allora non si chiama amore ma interesse.

Il secondo grande errore è trattare l’amore come se fosse qualcosa di materiale. Seguendo il ragionamento iniziale,come fa il mio amore, che esprimo in presenza della mia compagna e che si concretizza in ATTI ad appartenere soltanto a lei? L’amore è un sentimento che viene espresso come atto di volontà dalla persona che lo esprime. Spesso l’amore viene confuso con la gioia di stare vicino ad una persona perché questa persona è l’ispirazione per esprimere amore. Una persona che riesce a stimolare il manifestarsi dell’amore si crede innamorata e lo è ma non della persona,almeno all’inizio. All’inizio ci si stupisce del fatto che qualcuno faccia qualcosa di carino per noi. Dopo un po’,quando queste manifestazioni corrispondono anche ad un reale sacrificio per la persona che le esrime,ci si domanda: mi ama? Ma veniamo al vero argomento di quest’articolo. Perché fare qualcosa che ci possa in qualche modo danneggiare? Perché invitare a cena un’ubriaco abbandonato sul marciapiede o raccogliere ( ridaie) spazzatura il 25 dicembre? Semplice: per amore. Se guardate bene dentro il vostro cuore,quanto tempo è che non esprimete amore? Certo è facile baciare la propria compagna e dirle “ti amo” oppure invitarla a cena. Ma chi di voi pur di esprimere amore è disposto a soffrire? Chi si sporcherebbe le mani? Secondo me la natura intera è da amare. L’amore è impegno. L’amore va,non torna mai ma ciò che è bello dell’amore è proprio questo. La vita è come l’amore un viaggio senza ritorno. Non c’è una seconda chance. Bisogna rischiare. Quel che avremo fatto nel corso della nostra vita ci riapparrà nel giorno della morte. È questo che ci insegna il sacrificio. Esprimendo amore si muore felici. Il sacrificio però è soltanto una parte della vita. Ma se non dai nulla di te che è prezioso,non puoi esprimere amore.Il sacrificio è il dramma del romanzo,l’amore la sua poesia. Basta leggere Shakespeare per capirlo. Comunque ragazzi il mio amore va dove capita. Alle volte finisce in mare e nuota felice in mezzo ai pesci. Altre volte in montagna o a passeggio per Nurachi insieme a Bobby,il cane di Teresa. A natale è andato a Mari Ermi.

Autore: Giovanni Boetti

Sono nato a Milano negli anni 60, li si forma la mia coscienza sociale ma i miei sogni,sarebbe meglio dire quelli di mia madre, a un certo punto prendono il sopravvento e decido di partire. Basta con le manifestazioni,basta con la città. Da sempre amo la natura, compresa quella umana che per me sono una cosa sola. Da uomo faccio parte della natura e da uomo la difendo. Da sempre sono attratto dall’acqua e dai suoi abitanti. Pesci,uccelli tartarughe e barche a vela. Fin da piccolo vado in barca a vela e leggo i libri d’avventura. Dopo qualche anno in Liguria parto alla volta dell’oceano,arrivato ad Antigua incontro l’amore e decido di diventare padre. Ma mentre l’oceano è per il marinaio come per il leviatano,la sicurezza e la libertà,la costa rappresenta un possibile pericolo. Dopo un’altro tormentato periodo nel quale,tra l’altro, creo una società di allestimento barche ad Antibes, la Coast to Coast,lavoro al progetto più importante : la famiglia. Dopo diciassette anni vissuti in Francia mi trasferisco in Sardegna. Finalmente il mare si calma e la vita continua. Con la mia nuova compagna, Teresa e due splendidi figli, tiro facili bordi nelle acque ridossate della Sardegna del nord. In attesa di qualche avventura,questo blog e l’associazione Velapuliamo occupano la mia mente vulcanica,sempre alla ricerca di qualcosa da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...