E invece….

Pensavamo di avere le ore contate. Guardando al di là dello schermo vedevamo soltanto la mano predatrice dell’uomo. Dietro tutta questa cenere di corpi bruciati, sopra le carcasse delle balene spiaggiate. Davanti agli sguardi increduli dei nostri figli. Senza fare nulla per cambiarne le sorti. Senza muovere un dito se non per cambiare l’immagine: dalle rovine ai selfie. Schiacciando il pulsante del telecomando dell’indifferenza, non pensavamo di poter cambiare il mondo. Credevamo che non ci fosse più coscienza e compassione per la natura tutta. Anche se ogni tanto qualche briciola d’estetica cadeva dal sacchetto svolazzante che per un attimo pareva vivo. Briciole d’estetica verticale dei grattacieli che come finti nuovi alberi scintillanti, s’innalzavano silenziosi,dalle grigie ex periferie. Eravamo così sicuri che nessuno mai e poi mai,avrebbe potuto cambiare le sorti. Che nessuno avrebbe potuto fermare il treno nella sua pazza corsa verso il ponte distrutto da chi lo aveva costruito. Perché miliardi d’immagini ci avevano distolto dalla verità. Fotoshop al posto della Treccani. Storie dipinte e ridipinte dove ombre e luci cambiano ma i concetti restano e con loro i fatti, compiuti da qualcun’altro lontano da noi. Giocando a guardie e ladri sulle macerie fumanti, pensavamo che nella sua crudeltà, uomo e umanità fossero destinati a seguire il loro immutabile destino di morte. Come se il tempo fosse già passato. Vedevamo il fiume trasportare a valle un fiume di malattie. Vedevamo il mare popolato da nuovi plastici abitanti. Ferito a morte dalle eliche e dai depuratori guasti. Osservavamo impotenti, nuove isole formarsi nel mezzo dell’oceano. Isole grandi come stati, stati nemici che ci avevano dichiarato guerra. Aumentavano i casi di cancro che disegnavano, sulla faccia della terra, una nera macchia di lupus in fabula. Guardavamo perciò la faccia stupita della Luna e chiedevamo aiuto a Marte.

E invece…………

Autore: Giovanni Boetti

Sono nato a Milano negli anni 60, li si forma la mia coscienza sociale ma i miei sogni,sarebbe meglio dire quelli di mia madre, a un certo punto prendono il sopravvento e decido di partire. Basta con le manifestazioni,basta con la città. Da sempre amo la natura, compresa quella umana che per me sono una cosa sola. Da uomo faccio parte della natura e da uomo la difendo. Da sempre sono attratto dall’acqua e dai suoi abitanti. Pesci,uccelli tartarughe e barche a vela. Fin da piccolo vado in barca a vela e leggo i libri d’avventura. Dopo qualche anno in Liguria parto alla volta dell’oceano,arrivato ad Antigua incontro l’amore e decido di diventare padre. Ma mentre l’oceano è per il marinaio come per il leviatano,la sicurezza e la libertà,la costa rappresenta un possibile pericolo. Dopo un’altro tormentato periodo nel quale,tra l’altro, creo una società di allestimento barche ad Antibes, la Coast to Coast,lavoro al progetto più importante : la famiglia. Dopo diciassette anni vissuti in Francia mi trasferisco in Sardegna. Finalmente il mare si calma e la vita continua. Con la mia nuova compagna, Teresa e due splendidi figli, tiro facili bordi nelle acque ridossate della Sardegna del nord. In attesa di qualche avventura,questo blog e l’associazione Velapuliamo occupano la mia mente vulcanica,sempre alla ricerca di qualcosa da fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...